Autore: bibbokoala@libero.it

FURTO CON SCASSO PURE AI CASSONETTI DELLA CARITAS

Anzio, 17 febbraio 2016 – Il Cassonetto per gli abiti usati di via dei Gelsi a Lido dei Pini, questa mattina è stato vandalizzato per rubare i vestiti destinati alla Caritas o comunque alle strutture che gestiscono i vestiti usati destinati ai più bisognosi. Il primo pensiero è sicuramente quello di condannare questo gesto, ma il secondo è sicuramente quello di pensare alla disperazione di chi si rende protagonista di un simile atto. Quale povertà e quale situazione esasperata, possono portare una persona a scassinare il cassone giallo per rubarne il contenuto? A differenza di quanto si possa pensare,...

Leggi Tutto

AUTO USATE, IN ITALIA IL PASSAGGIO DI PROPRIETÀ È IL PIÙ CARO D’EUROPA

Roma 4 febbraio 2016 – Perché se sono un povero italiano per acquistare un’auto usata debbo pagare più di quanto pagherebbe un qualsiasi altro povero europeo? E’ questa la domanda che vorrei porre ai nostri cari politici che forse non hanno tempo per risolvere l’ennesimo problema, solo italiano, perché forse sono troppo impegnati ad inventare nuove tasse oppure a rendere più efficaci le finanziarie in modo da depauperare sempre di più i nostri miseri averi. Ogni anno è la stessa storia: scandali, politici corrotti, mazzette, mafia, camorra e chi più ne ha più ne metta. Nuove tasse, aumenti su quelle esistenti, burocrazia sempre più complicata, multe sempre più salate. In una nazione come l’Italia, che si classifica al primo posto mondiale solo grazie alla pressione fiscale, (secondo uno studio della Confcommercio ha superato ormai il 53%), un “povero italiano” come me, non può permettersi neanche l’acquisto di un’auto usata. A seguito di un incidente stradale, nel quale ho subito la distruzione del mio caro scooter, e nell’attesa che il comune produca il verbale dell’incidente, che i periti facciano le perizie e che le assicurazioni decidano chi, come e quando rimborsarmi, ho la necessità di acquistare un’auto usata per potermi recare tutti i giorni a lavoro. Mi accontenterei di un’auto marciante di oltre 10 anni di vita, ma è praticamente impossibile acquistarla. Vi starete chiedendo perchè? Perché le uniche auto “piccole...

Leggi Tutto

Vogliamo il VERO “Made in Italy” #veromadeinitaly

Nella prima puntata delle IENE di questa stagione televisiva, è stato messo in luce cosa può nascondersi dietro il “made in italy”, soprattutto in ambito alimentare. Materie prime, prodotte ed acquistate da paesi stranieri, soprattutto dalla Cina, usati da numerose ditte “nostrane” per creare prodotti italiani, aggirando tutte le norme di sicurezza in vigore nella comunità europea. Nadia Toffa tramite il sito change.org ha lanciato una petizione per chiedere il VERO made in italy, invitiamo tutti voi a porre una firma per questa buona causa. E’ possibile firmare la petizione a questo link: https://www.change.org/p/vogliamo-il-vero-made-in-italy-veromadeinitaly?source_location=trending_petitions_home_page&algorithm=curated_trending Per vedere il servizio completo delle Iene potete andare a questo Link: http://www.iene.mediaset.it/video/065/toffa-quando-il-pomodoro-cinese-diventa-%E2%80%9Cmade-in-italy%E2%80%9D_562065.shtml In Italia vengono importati dalla Cina 200mila chili al giorno di concentrato di pomodoro, pagato a meno della metà di quello prodotto in Italia, che imprenditori senza scrupoli confezionano per vendere come made in Italy. Per approfondire l’argomento vi proponiamo alcuni link a “IL GIORNALE”: http://www.ilgiornale.it/news/politica/telecamera-nascosta-e-pentito-rivelano-passata-italiana-solo-1122271.html...

Leggi Tutto