Lamezia Terme, 16 giugno 2016 – Tutti possono diventare Santi del Paradiso. E’ solo una questione di miracoli, che non sono proprio di poco conto. E di soldi che sono di altrettanto tanto conto. Tutto dipende da quanto si è disposti a spendere. Lo afferma Emiliano Fittipaldi, autore del libro Avarizia, durante Trame6, il festival dei libri sulle mafie. Certo, il miracolo ci vuole, ma senza l’esperto addetto della Santa Sede che ne certifica l’avvenimento, non serve praticamente a nulla. Un po’ come la notizia: il fatto c’è comunque, ma se non c’è nessuno a portarlo alla conoscenza della collettività, quel fatto vale ben poco. Ed è sull’accertamento del miracolo che i costi cominciano a lievitare. Per l’esattezza vanno da 100.000 a 700 mila euro circa. Il perché lo spiega bene Fittipaldi in questo video.

In buona sostanza, come racconta il giornalista, si tratta di questo: il procacciatore di miracoli, che in Vaticano si chiama postulatore, è una sorta di avvocato difensore dell’aspirante Santo. A parte le spese burocratiche da riconoscere al Cupolone, il postulatore ha bisogno di tanti soldi per andare alla ricerca del miracolo da comprovare e dimostrare. Pare che fra tutti i postulatori, ce ne sia uno particolarmente bravo. Emiliano Fittipaldi dice che costui si chiama Andrea Ambrosi. Lui va in giro in tutti i posti dove potrebbe essersi verificato il miracolo e certamente non paga di tasca sua tali spostamenti. Va da sé che più è difficile scovare il miracolo (e neanche è detto che effettivamente si sia verificato), più sarà onerosa la causa. Certo, il miracolo deve essere degno di tale definizione: la guarigione senza ragione scientifica da una malattia, un bambino che resuscita e cose di questo genere, che – va ammesso – non sono proprio alla portata di tutti.

A questo punto si comprende come mai i costi per accertare e certificare questi avvenimenti comincino a salire così tanto. Ma c’è dell’altro. La documentazione va poi stampata con traduzione rigorosamente in latino. Fittipaldi assicura, documenti alla mano, che la stampa costa per questo lavoro fra i 60 e i 70.000 euro. Ed esiste una sola tipografia a Roma che ha l’esclusiva per la stampa di questo materiale. E di chi è la tipografia che ha un fatturato di 600 mila euro l’anno? Dell’avvocato Ambrosi. Parola di Emiliano Fittipaldi.

Elisabetta Tonni