“GIOVANI FAVOLOSI” CHE CONTRASTANO LA MAFIA

tramati-4

Roma ,  11 giugno 2015 – Nell’Italia della corruttela, del malaffare e della mafia imperante e dilagante esiste una speranza. È quella dei giovani: giovani favolosi, pronti a regalare il loro tempo e le loro energie per raddrizzare l’Italia sgangherata.

È a questi giovani favolosi che è stata dedicata la quinta edizione di Trame, il festival di Lamezia Terme dei libri sulle mafie in calendario dal 17 al 21 giugno.

Giovani favolosi, come favoloso e giovane era Giancarlo Siani, cronista precario che da Torre Annunziata scriveva per il quotidiano Il Mattino di Napoli, ucciso trent’anni fa, perché così giovane e così favoloso, aveva già cominciato a dare fastidio con le sue indagini sulla politica cattiva e sporca di mafia e malaffare.

Siani è stato ucciso il 23 settembre 2005 dentro la sua Méhari, la “spiaggina” con cui andava sui posti a raccogliere informazioni e a condurre le sue inchieste. Aveva da poco tempo fatto il suo ingresso “ufficiale” nella redazione, quando alcuni proiettili hanno messo fine alla sua vita e alle indagini troppo scottanti che aveva fra le mani.

Proprio quella vettura sarà esposta a Trame, nella Piazza San Domenico, e resterà in mostra per tutti i cinque giorni di dibattiti e incontri ricchi di novità e tanti spunti. Il filo conduttore sarà però sempre lo stesso: conoscere la mafia per poterla ri-conoscere e contrastarla in ogni modo. La società civile può farcela, può essere il puntello fondamentale alle forze dell’ordine e ai magistrati che cercano di intercettare il malaffare e fare pulizia nel paese.

Un cambio di mentalità: è questa la frase più ricorrente quando si affronta il discorso sugli strumenti per sgominare le bande criminali di varie impostazioni e località. La frase successiva è: serve una cultura della legalità. Trame ha l’obiettivo di mettere in pratica queste frasi, di passare dalle parole ai fatti. La cultura alla legalità passa per i libri che faranno da spunto per i dibattiti, passa dai film proiettati, dagli spettacoli teatrali messi in scena nelle piazze di Lamezia, dalla musica dal vivo, dalla scenografia costruita quest’anno tutta intorno alla macchina vera, non una simile, ma proprio quella dove è scorso il sangue caldo di un giovane favoloso, Giancarlo Siani, che da solo pensava di potercela fare. Trent’anni sono passati e la sua macchina starà lì, in bella mostra, per invitare tutti a salire a bordo e intraprendere assieme l’impervia via del contrasto alle mafie.

Elisabetta Tonni

One thought on ““GIOVANI FAVOLOSI” CHE CONTRASTANO LA MAFIA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>